IN EVIDENZA:

Vacanze per single in camera doppia con sconosciuti? No, grazie

Condividere la camera in hotel con degli sconosciuti di sicuro non è la scelta migliore da fare per vivere una bella vacanza.
Infatti nel momento in cui si decide di prenotare una vacanza per single il rischio è che dall’agenzia online o dal tour operator venga proposta la "grande opportunità" di condividere la camera in hotel con un altro viaggiatore single.

Per cercare di invogliare l'ignaro single in vacanza in molti casi questa viene addirittura prospettata come la soluzione migliore, sia dal punto di vista economico (perché permetterebbe di risparmiare su eventuali supplementi applicati per la camera singola), sia dal punto di vista della vita sociale (perché questa soluzione favorirebbe la possibilità di conoscere e fare amicizia con altre persone).

Niente di più sbagliato: quando si decide di partire per una vacanza da single quello che normalmente si deve evitare sono le situazioni spiacevoli che derivano dalla condivisione degli spazi personali e condividere la camera in hotel con degli sconosciuti alla fine potrebbe risultare la peggiore fra queste situazioni.


Vacanze per single in camera doppia con sconosciuti

Vacanze per single in camera doppia con sconosciuti? No grazie

Vacanza per single: socializzare sì, ma nel modo giusto!

Rifiutare le proposte di alloggiare in camera doppia con degli sconosciuti non vuol dire rinunciare in partenza a qualsiasi occasione di socializzazione.
In realtà, sia che si scelga una vacanza in villaggi per single, un soggiorno in hotel per single oppure una crociera per single le occasioni per incontrare altre persone non mancano mai grazie alle tante attività organizzate, all’animazione e agli spazi comuni come ristoranti o bar.
Quello che bisogna fare è evitare la socializzazione “imposta”, come quella che deriva dal condividere la camera in hotel forzatamente con degli sconosciuti: il rischio infatti è quello di rovinare irrimediabilmente una vacanza.

Perché è meglio non condividere la camera in hotel con degli sconosciuti

Sono diversi i motivi per cui bisogna evitare di condividere con persone sconosciute la camera in hotel.

1 - Al primo posto va sempre considerato il fattore sicurezza

È quasi impossibile sapere in anticipo chi ricoprirà il ruolo di “coinquilino” e il rischio è che non si tratti di una persona antipatica o fastidiosa, ma magari "strana".
Senza dimenticare che ci sono tutta una serie di caratteristiche della persona con cui condividere la camera che potrebbero trasformare una bella vacanza in un brutto incubo.

2 - Il compagno di stanza rumoroso

Una vacanza da single vuol dire relax e riposo e un compagno di stanza eccessivamente rumoroso può voler dire fastidiose discussioni, seguite da un accumulo di inutile e dannoso stress.
Sicuramente non la condizione ideale per una vacanza piacevole e rilassante!
I problemi possono essere molteplici: ci può essere la persona che russa (disturbo più diffuso di quanto si possa pensare), oppure che ascolta musica a tutto volume (magari di un genere “impattante” come il rock o la techno) o ancora che soffre di insonnia e quindi preferisce tenere la televisione accesa fino a  notte inoltrata. 

3 - Il problema del diverso concetto di igiene personale

Il concetto di igiene personale non è inteso in modo univoco da tutti: ci sono persone che hanno una grande cura della propria igiene, mentre per altre si tratta di un’attività da eseguire solo in determinate occasioni, ma non necessariamente nel quotidiano.
Ovviamente condividere una stanza con una persona che ha abitudini molto diverse in questo campo può risultare come minimo fastidioso...

4 - Il compagno di stanza “perfettino”

Come l’eccessiva sciatteria e disordine risultano fastidiosi, allo stesso modo capita con l’eccesso opposto.
Avere a che fare con persone troppo pignole è già difficile nella quotidianità, figurarsi durante una vacanza!
Un compagno di stanza che passa il suo tempo a riordinare, che si lamenta se qualcosa non è al suo posto, che pretende siano rispettati certi comportamenti o certi orari rischia di diventare insostenibile.
In fondo una vacanza è fatta per rilassarsi e lasciarsi anche un po’ andare e avere qualcuno che rimarca le nostre mancanze in ogni momento non è il massimo a cui aspirare.

5 - Il problema della privacy

Nel mondo attuale la connessione con le altre persone, anche se distanti, è pressoché continua e per molti è praticamente impossibile rinunciare a essere “social” anche in vacanza.
Ma dividere la stanza dell'hotel con una persona sconosciuta può creare dei problemi in questo ambito: basta pensare al fatto che qualcuno ascolti le telefonate oppure appaia nelle fotografie o nei video che vengono condivisi con gli amici. Una situazione che sarebbe meglio evitare...
Dal lato opposto, è normale sentirsi a disagio quando si viene coinvolti, proprio malgrado, nella vita di uno sconosciuto, come accade quando si è costretti ad ascoltare una conversazione di lavoro oppure personale (magari nel cuore della notte).
E chiudersi in bagno oppure sul balcone non è sempre una soluzione praticabile.

Conclusioni: Vacanze per single in camera doppia con sconosciuti? No, grazie!

Abbiamo elencato le diverse ragioni per cui è meglio evitare una vacanza da single che prevede di condividere la camera in hotel con degli sconosciuti.
La realtà è che un tour operator oppure un’agenzia di viaggi online che operi nel modo corretto deve essere sempre in grado di offrire ai viaggiatori single una camera singola che si adatti ai loro desideri e alle loro necessità.

Se questa possibilità non viene data, la scelta migliore è quella di rivolgersi a un diverso operatore.
Non bisogna mai dimenticare che una vacanza deve ovviamente racchiudere un pizzico di avventura e di novità, ma senza superare determinati limiti.
E la convivenza in una camera di hotel con una persona sconosciuta è sicuramente uno di questi...