Vacanza da single: partire soli o insieme a un amico?

Alzi la mano chi non si è mai trovato in questa situazione.

Avete trovato la vacanza per single che fa per voi.

Entusiasti telefonate al vostro amico (o amica) per riferirgli la notizia e lui (d'ora in poi parleremo sempre al maschile, ma vale sia per uomini, sia per donne) cosa vi risponde?
"Fantastico, posso venire anch'io?".

In queste occasioni difficilmente si ha lucidità di prendere tempo, quindi è probabile che la vostra risposta sia: "Ma certo!"


Viaggiare da soli


Poi però vi assalgono mille dubbi e la fatidica domanda vi assilla per giorni: "forse è meglio partire da soli?"

Cerchiamo di valutarlo insieme.

Intanto bisogna capire che rapporto avete con questo amico.
Se è poco più di un conoscente, ci sono buone possibilità di poter comunque vivere una vacanza in autonomia, senza per forza doversi sentire in obbligo di condividere ogni esperienza.
C'è però anche il rischio che lui non la pensi come voi e che quindi vi segua come un'ombra. 
Oppure che abbia abitudini e stili di vita completamente diversi dai vostri. In questo caso, anche i rari momenti di condivisione possono diventare davvero insostenibili.

Il discorso cambia se stiamo parlando di una persona che conoscete molto bene, con cui c'è la massima confidenza. È un carissimo amico, forse il migliore che abbiate, insieme vi trovate bene e infatti avete già condiviso altre vacanze.

Non è detto, però, che tutto questo sia un vantaggio.
Anzi, dipende molto dal momento che state vivendo: se il vostro obiettivo è cimentarvi in nuove esperienze e conoscere nuove persone, partire con un (caro) amico potrebbe non essere la scelta migliore. 

Di solito le persone che si conoscono tendono a fare "gruppo chiuso"
Si muovono autonomamente e lasciano poco spazio ai nuovi arrivati. Inoltre, maggiore sono la confidenza e l'affiatamento, maggiore è anche la tendenza all'isolamento.

Se anche il vostro amico parte con l'intenzione di fare nuove conoscenze ci sono buone probabilità che ciò avvenga ma, in caso contrario, è facile che voi vi ritroviate a trascorrere la maggior parte delle ore solo con lui.

A volte, poi, si parte con l'intenzione di "voltare pagina"
Si vuole dare una svolta alla propria vita da single scegliendo esperienze nuove, come ad esempio partire per la prima volta per una vacanza per single.
Se è questo il vostro caso, non abbiate dubbi: dovete partire da soli, per la vacanza con l'amico c'è sempre tempo.

Voltare pagina, anche solo per una settimana, significa abbandonare tutti i punti di riferimento abituali. Vuol dire mettersi alla prova in contesti diversi dai soliti e per farlo, dovete essere soli.
Soltanto così misurerete il vostro spirito di adattamento e capirete come ve la cavate in queste situazioni. Anche una vacanza può essere una buona occasione per imparare a conoscersi meglio.


Viaggio con l'amica


Se invece non avete alcuna intenzione di voltare pagina, ma solo di staccare dalla solita routine e godervi qualche giorno di relax, partire con un amico (con cui vi trovate bene, questa è una condizione fondamentale) potrebbe essere la cosa migliore.

Intanto è possibile che abitiate vicini e quindi potrete partire insieme. 
Poi, se il vostro amico è una persona cui siete particolarmente legati, sarà comunque bello poter condividere una nuova esperienza insieme


In conclusione, decidere se sia meglio partire soli o con un amico, dipende solo da voi.
Noi vi abbiamo dato qualche spunto di riflessione, ora spetta a voi valutare la soluzione migliore. 
L'importante è che vi faccia star bene...